Spreco alimentare

Home  /  Spreco alimentare

Parliamo di spreco alimentare: in Italia ogni anno vengono buttati 1,19 milioni di tonnellate di alimenti; circa 8 miliardi di euro (316 € per famiglia) di cibo all’anno vengono gettati nella spazzatura (Rapporto 2014 Waste Watcher – Knowledge for Expo).

Questo atteggiamento è un'”abitudine” che si sta riflettendo con un impatto molto negativo anche sull’ambiente.

Spreco alimentare

Diciamo STOP allo spreco alimentare !

 

Lo spreco alimentare non è solo un problema di cibo e costi ma ha anche un forte impatto sulla biodiversità e sul clima.
Il quantitativo annuo di carbonio del cibo che viene prodotto ma non consumato e quindi sprecato, è circa di 3,3 miliardi di tonnellate.
Questo fa si, che lo spreco alimentare sia terzo posto nella classifica dei maggiori emettitori di Co2 a livello mondiale dopo Cina e Stati Uniti.

Ma questo non basta, non è solo la quantità di Co2 emessa, ma anche l’acqua collegata alla produzione di quanto viene sprecato che è di circa 250 km cubici e per ultimo.
Il cibo prodotto e sprecato, ha anche un valore in relazione all’occupazione di spazio che è di quasi 1,4 miliardi di ettari di terra ovvero il 30% della superficie mondiale occupata da terre agricole.

A conti fatti possiamo affermare che il costo economico dello spreco alimentare dei prodotti agricoli (escluso i prodotti del pescato) si aggira sui 750 miliardi di dollari, una cifra equivalente al Pil della Svizzera.

Sono dati importanti questi per riflettere sui nostri comportamenti e cercare di modificarli. Non solo per risparmiare nel quotidiano ma anche per salvaguardare il nostro pianeta.

Dare valore al cibo, ristabilire l’importanza della sua qualità ci potrebbe forse far riscoprire e riapprezzare la nostra identità umana e sociale.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>